garda running salò
È andata da poche ore in archivio la quinta edizione della “5 Ponti Trail” di Bagolino, gara nazionale Fidal di corsa in montagna organizzata da SSD e Avis Bagolino e patrocinata da Regione Lombardia, Provincia di Brescia e Comune di Bagolino, ultima e decisiva tappa del primo Grand Prix di Valle Sabbia e Alto Garda.Nei 16 chilometri del percorso, ancora fangoso ed instabile per la pioggia caduta in settimana, sono Cesare Maestri e Monica Pont Chafer ad arrivare al traguardo a braccia alzate. La Promessa dell'S.A. Valchiese, alla prima partecipazione, stabilisce subito il record della corsa, con una prestazione da 1h19'36”, migliorando di un minuto e mezzo netto il precedente primato fatto segnare nella passata edizione da Alessandro Rambaldini. «Sono molto contento – spiega il ventunenne – sono in un ottimo periodo di forma e anche nella gara di oggi sono riuscito a dimostrarlo. Nonostante fosse la mia prima volta qui a Bagolino ho apprezzato moltissimo il percorso, in particolare le discese, molto tecniche. Un ottimo test per i prossimi Campionati Italiani».
Vincitore nel 2013 ed ormai ex detentore del record della manifestazione, Alessandro Rambaldini (Atl. Valli Bergamasche Leffe) chiude secondo in 1h20'45”, mostrando all'arrivo più soddisfazione che delusione: «La “Blumon Marathon” di domenica scorsa e le insidiose condizioni del terreno hanno inciso sulla mia prestazione, ma sono molto contento per almeno due motivi: mi sono migliorato di 21” rispetto allo scorso anno e sono stato battuto solamente da Maestri, un atleta fortissimo ed ancora molto giovane che ha una brillante carriera davanti a sé».
Doppia soddisfazione anche per Marco Zanoni (G.P. Legnami Pellegrinelli), che arrivando in 1h23'02” coglie in un colpo solo terzo gradino del podio e vittoria nel Grand Prix Valle Sabbia e Alto Garda: «Felice di questo terzo posto, davanti avevo gente di un altro livello, e orgoglioso della vittoria del Grand Prix. La gara più bella delle cinque del circuito? Non mi sbilancio, sono state tutte coinvolgenti e molto faticose e la “5 Ponti” ne è stata la degna tappa finale. Colgo l'occasione per fare i miei più sinceri complimenti all'organizzazione, che ha messo in piedi un evento splendido».
Organizzazione che può stappare lo spumante per questa quinta edizione, forse quella del cambio di marcia definitivo. I numeri parlano chiaro: 292 gli iscritti, 265 i presenti alla partenza della gara competitiva, cui vanno aggiunti i 38 dei 9 km della non competitiva e i 60 bambini della “Mini 5 Ponti” (400 e 1.500 metri).
5 Ponti 27 luglio 2014
 
Fai clic su un'immagine per visualizzarla in dimensioni maggiori.